10 de August de 2020

Quale incontro possibile tra psicoanalisi e neuroscienze? – Antonucci Carla

PIPOL9 La psicoanalisi e le neuroscienze sono molto diverse tra di loro sia nella loro identità che nel modo in…


PIPOL9

La psicoanalisi e le neuroscienze sono molto diverse tra di loro sia nella loro identità che nel modo in cui si pongono verso il soggetto e il reale. Mi domando però se non si possa trovare un punto di incontro tra queste due signore.

Ad oggi si può constatare come gli aspetti della vita umana siano suscettibili ad essere neurologizzati, poiché tutto attiva il cervello. Azioni, emozioni e quant’altro sono osservabili attraverso le tecniche di neuroimaging funzionali. Persino l’amore può essere ridotto alla presenza di un certo quantitativo di neurotrasmettitori.

Ma come dice Miller: “Sta a noi trovare la modalità di saperci fare con il neuro-reale”, e bisogna sottolineare come questa sia una sfida importante per la psicoanalisi.

Trovare il modo di saperci fare con il neuro-reale a mio avviso deve comportare un incontro, buono o cattivo che sia.

Sebbene i tempi fossero diversi da quelli che viviamo, potremmo intravedere qualcosa di questo incontro e da lì riprenderne le tracce, tornando a Freud e Charcot.

Il luogo di incontro è nientemeno che l’ospedale Parigino della Salpêtrière, tutt’ora un rinomato ospedale. Salpêtrière con Charcot assistette alla nascita della neurologia ed è proprio qui che venne istituita la prima cattedra di malattie nervose al mondo, la “cattedra Charcot”. Questo centro attirava studenti da tutta Europa, tra questi studenti vi è anche il nostro Freud il quale, in particolar modo, era interessato agli studi di Charcot sull’isteria. Indubbia è l’influenza che Charcot ebbe sul pensiero freudiano.

Freud era uno scienzato e come tale si muoveva; è evidente come la maggior parte dei suoi testi prendesse forma attraverso il metodo scientifico ossia un tentativo di raccolta di dati empirici sotto la guida di ipotesi e teorie da vagliare. La particolarità di Freud è stata di soffermarsi là dove la scienza inciampava, nonostante il suo tentativo fosse quello di raggiungere una conoscenza della realtà oggettiva, affidabile e verificabile. Ne abbiamo un esempio nella prefazione alla prima edizione degli Studi sull’isteria in cui Freud dirà: “Faremo seguire una serie di osservazioni su malati, nella scelta delle quali purtroppo non abbiamo potuto lasciarci guidare unicamente da considerazioni scientifiche. Le nostre esperienze provengono dalla nostra pratica privata di medici […]. Alle storie dei pazienti segue una serie di considerazioni teoriche, e in un capitolo conclusivo della terapia è esposta la tecnica del “metodo catartico” quale si è andato sviluppando nelle mani di un neurologo.”

Ma di cosa sta parlando in questo testo Freud? Quali sono le pazienti che vengono osservate? Si tratta di quelle pazienti che non hanno trovato una risposta al loro malessere nella medicina. E di che cosa soffrivano? Disturbo da conversione che ormai non è nemmeno più presente nel DSM se non come Disturbo da sintomi somatici. Le attuali neuroscienze considerano questi disturbi nominandoli Disturbi neurologici funzionali. In questa faglia ritroviamo gli stessi pazienti di Freud. Si tratta di pazienti che non si rivolgono a uno psichiatra, né tantomeno a uno psicoanalista ma che vagano nei reparti di neurologia cercando di trovare una risposta ai propri sintomi. In questa faglia, su questo bordo, penso sia possibile un incontro tra le neuroscienze e la psicoanalisi cosi come è avvenuto molti anni fa. A partire da questo buco che si presentifica nel neuro-reale è possibile un inserimento della psicoanalisi come risposta a qualcosa di intrattabile nella medicina. Una psicoanalisi applicata, l’ultima spiaggia di questi pazienti che possono finalmente ancorarsi a qualcosa dopo tanto vagare, uno spazio per dare parola a qualcosa senza senso fino a quel momento. Questa la mia esperienza da qualche mese in una equipe multidisciplinare di cui faccio parte e che si occupa per l’appunto di trattare i Disturbi neurologici funzionali o almeno così li nomina il linguaggio delle neuroscienze ma che a mio avviso si concretizza in uno spazio in cui i Disturbi da conversione, che sembravano ormai cancellati, possano nuovamente avere voce in capitolo. Certo si tratta di un incontro impossibile, qualcosa che somiglia al non c’è rapporto sessuale di Lacan ma che ci permette di cogliere una sfida possibile per la psicoanalisi.

Related Posts

Arguments – PART. 2 par Éric Zuliani

28 de julho de 2020

28 de julho de 2020

  L’attentat sexuel hante les premiers pas de la découverte de Freud. À la recherche d’une cause pouvant rendre compte...

Un Congreso que se hace desear, un Scilicet nuevísimo – Angelina Harari (EBP)

20 de julho de 2020

20 de julho de 2020

¡Tenemos el gusto de anunciarles la publicación de Scilicet-Rêve: cinco volúmenes! – uno para cada una de las lenguas de...

ATTENTAT SEXUEL – 50es Journées de l’ECF

15 de junho de 2020

15 de junho de 2020

LES QUATRE ARGUMENTS PART. 1 PAR LAURENT DUPONT Attentat sexuel, l’expression vient de Freud. Citons ce passage, il s’agit d’Emma...

Sexuação: a não-identidade do sexo – (Much Ado about Nothing) – Enric Berenguer (ELP)

4 de Maio de 2020

4 de Maio de 2020

  Praticamente nenhum significante-mestre em nossa época resistiu à comoção daquilo que o “desconstrucionismo”, acreditando-se agente, foi apenas um sintoma...

The Clinical Study Days 13 (CSD13) – Isolda Alvarez and Juan Felipe Arango (NLS)

26 de Março de 2020

26 de Março de 2020

Jouissance: The stuff that dreams are made of, were successfully held on New York from February 21st to 23th,2020. Gratefully...

Entrevista a Eric Laurent por Raquel Cors Ulloa Parte 2

11 de Março de 2020

11 de Março de 2020

Raquel Cors Ulloa: Éric, usted en su reciente reflexión sobre tres encuentros entre lo femenino y la no relación sexual[1],...

Todo el mundo quiere éxtasis – Marisa Morao (EOL)

9 de Março de 2020

9 de Março de 2020

    Comentario sobre el artículo Why Do We Think Suffering Is Good for Us? publicado en https://www.nytimes.com/2019/03/07/opinion/ketamine-depression.html Un enfoque...

Isak Dinesen, A feminilidade e a letra – Miquel Bassols (ELP)

1 de Março de 2020

1 de Março de 2020

  A relação entre a feminilidade * e a letra[1] foi colocada por Jacques Lacan em inúmeras ocasiões ao longo...

La máquina de grabar los sueños y su ininterpretable – Marga Auré (ECF)

15 de Fevereiro de 2020

15 de Fevereiro de 2020

  Si Freud ve en los sueños la vía real de acceso al inconsciente, la ciencia también se ha interesado...

The Feminine Uncanny, Saying the unsayable – Marcela Antelo and Iordan Gurgel (EBP)

14 de Fevereiro de 2020

14 de Fevereiro de 2020

translated by Marcela Antelo reviewed by Nicholas Csergo  and Gary Marshall 23rd Brazilian Encounter of the Freudian Field / 20th...

Le féminin unheimlich, Dire l’indicible – Marcela Antelo et Iordan Gurgel (EBP)

9 de Fevereiro de 2020

9 de Fevereiro de 2020

Traduction : Nicholas Csergo Révision : Pierre Louis Brisset Présentation de la XXIII Rencontre Brésilienne du Champ Freudien Le féminin est...

BOOMERANG – Beatriz Gonzalez-Renou (ECF)

9 de Fevereiro de 2020

9 de Fevereiro de 2020

HEBDO-BLOG Ce texte est un extrait de l’intervention de Beatriz Gonzalez-Renou à « Question d’École », le 1er février 2020. Si dès...

Infans #0 – Boletin de las XI Jornadas de la NEL

29 de Janeiro de 2020

29 de Janeiro de 2020

  Editorial Infans, es el Boletín que acompañará la preparación de las XI Jornadas de la NEL, “Lo insoportable de...

El misterio de los congresos – Mitra Kadivar (AMP)

26 de Janeiro de 2020

26 de Janeiro de 2020

Traducción: Ana Cecilia González Tengo la impresión de haber escuchado el nombre de Freud desde siempre, pero no fue hasta...

Comments
Deixe uma resposta

O seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados com *

Esse site utiliza o Akismet para reduzir spam. Aprenda como seus dados de comentários são processados.