10 de August de 2020

Una memoria da campionato – Marco Focchi (SLP)

Uno dei campi in cui le neuroscienze prediligono esercitarsi è quello della memoria. Dico esercitarsi perché si tratta propriamente di…


Uno dei campi in cui le neuroscienze prediligono esercitarsi è quello della memoria. Dico esercitarsi perché si tratta propriamente di esercizi atletici. Ci sono vere e proprie gare di memoria, e uno dei campioni attualmente più accreditati è Boris Nikolai Konrad, un neuroscienziato che è riuscito a memorizzare 280 parole e 195 nomi e visi in 15 minuti. Aveva sentito parlare di mnemotecnica al tempo dell’università, ha pensato di applicarvisi per facilitare l’impegno di studio, si è trovato bene e ha cominciato a partecipare alle competizioni.

La mnemotecnica non è proprio l’ultimissimo ritrovato del mondo moderno, giacché risale a Simonide di Ceo il quale, dopo il crollo della casa in cui si svolgeva una cena, riuscì a ricordare il nome di ognuno dei partecipanti nonostante i loro cadaveri fossero irriconoscibili, a partire dal posto a tavola che occupavano durante il banchetto. La mnemotecnica è una tecnica dei loci. Bisogna avere per esempio una casa di tante stanze, in ciascuna di queste si dispone l’elemento che si vuol ricordare, si fa mentalmente il percorso delle stanze e si ritrovano man mano gli elementi riposti. Ricordare è così ripercorrere.

I palazzi della memoria che venivano costruiti dai retori romani, Cicerone è l’esempio eminente, si trasformano ora sotto il tocco dei neuroscienziati in complesse architetture neuronali. Il cervello dei campioni viene analizzato con le tecniche di immaginografia per individuare gli schemi di connessione tra i neuroni, trovando – sorpresa! – che le differenze tra i campioni e i normali non sono poi così rilevanti.

Naturalmente ci si può domandare a che cosa serva acquisire la capacità di memorizzare liste di tanti nomi, al di là del partecipare a un campionato. Perché questo tipo di memoria è una memoria di liste, di elementi discreti, che si possono contare e oggettivare. La memoria della vita, la memoria inconscia sono tutt’altro. I ricordi che ci interessano nell’esperienza psicoanalitica sono essenzialmente i ricordi di copertura, cioè paradigmi, schemi di relazioni che insistono e si riproducono nella vita del soggetto influenzandone le scelte, le decisioni, l’orientamento. La memoria da campionato manca di quel che costituisce l’essenza della memoria viva, quella che ci accompagna nei nostri giorni di gioia o di dolore: la possibilità di dimenticare. Non possiamo ricordare nulla se non possiamo anche dimenticare.

La cosa preoccupante è che i neuroscienziati, per esempio alla Columbia University, hanno cominciato a pensare anche alla possibilità di dimenticare, ma a modo loro: hanno cioè considerato di liberarsi dei ricordi traumatici, dissociando – grazie a un farmaco che ancora non esiste ma di cui non dubitano la prossima ventura messa in produzione – l’esperienza dal segno che la inscrive in noi. Per esempio: se sono stato aggredito e nel frattempo un cane stava abbaiando, l’abbaiare del cane successivamente, fuori dal contesto traumatico, nei più diversi momenti della vita quotidiana, risveglierà il ricordo traumatico. Si tratta quindi di dissociare l’abbaiare del cane dalla sensazione di paura legata all’aggressione subita.

Vediamo subito così qual è il punto: un ricordo, nelle neuroscienze, è un oggetto manipolabile, non è mai un’esperienza soggettiva che fa parte inscindibilmente di me, che mi costituisce e rispetto al quale il problema non è liberarsene, come fosse il mattoncino eccedente di una costruzione, ma dargli un posto, reintegrandolo nel ritmo essenziale della mia vita.

in Lettere
Related Posts

La dignidad del síntoma – Andrea V. Zelaya (EOL)

31 de julho de 2020

31 de julho de 2020

[1] Me he servido de las líneas de reflexión presentadas en el IX Encuentro Americano de Psicoanálisis de la Orientación...

Entre el sentido y lo real, la improvisación – Omar Battisti(SLP)

24 de julho de 2020

24 de julho de 2020

texto original en Attualitá Lacaniana n° 22, traducido por Debora Liberman (Buenos Aires)   “Las casualidades nos  empujan a diestra...

 Víctimas del abuso en el verde paraíso de los amores infantiles* – Roberto Ileyassoff (EOL)

15 de julho de 2020

15 de julho de 2020

*(Texto correspondiente al posteo de Radio Lacan del 25-5-2015, en el marco de PIPOL 7) La prostitución infantil es execrable,...

Aguafuertes analíticas – Alejandra Breglia (EOL)

25 de junho de 2020

25 de junho de 2020

  El eco de los aplausos resuena, me sorprenden las nueve de la noche. Debería estar preparando la cena, pero...

Clorox & Parkz – Isolda Alvarez (NLS)

2 de junho de 2020

2 de junho de 2020

Psychoanalysts invest their lives re-inventing the ways in which they deal with their own versions of the real, what jouissance...

El despertador – Patricia Moraga (EOL)

6 de Maio de 2020

6 de Maio de 2020

¿Cómo puedo estar segura de que no estoy soñando? Podría ser que, ahora mismo, lo que creo que es realidad...

Banality of the Real – Bogdan Wolf (London Society-NLS)

6 de Maio de 2020

6 de Maio de 2020

It is not a secret that Count Johnson has been using services of various cunning advisers who stand behind his...

The Real of Analytic Abstinence – Geert Hoornaert, Belgium (KRING-NLS)

28 de Abril de 2020

28 de Abril de 2020

  from Lacanian Review Online After Freud pointed out that nothing can be killed in absentia or in effigy, Lacan...

UNA FANTASIA – Néstor Yellati (EOL)

23 de Abril de 2020

23 de Abril de 2020

publicado en Grama Ediciones #CrónicasXXI-31 Pertenezco al gran grupo de los indignados.  Si, mi indignación, como la de muchos, supero...

La sombra de una sociedad policial aún se cierne sobre el futuro – Óscar Ventura (ELP)

20 de Abril de 2020

20 de Abril de 2020

Publicado em Diario  – 13 de abril de 2020 Óscar Ventura lleva semanas atendiendo en Alicante las urgencias de sus...

El reto del sinsentido en la era digital – José R. Ubieto. Psicoanalista en Barcelona (ELP)

17 de Abril de 2020

17 de Abril de 2020

  En la era digital, el humor toma la delantera a lo cómico y al chiste. Millones de memes invaden...

Encontrar en el mismo impasse de una situación la fuerza vital del deseo – Marie-Hélène Brousse (ECF)

31 de Março de 2020

31 de Março de 2020

Traduccíon Karen Edelsztein   “Es la guerra contra el virus “. “Guerra”, este fue el punto de almohadillado en el...

¿Un mundo en cuarentena? – José R. Ubieto (ELP)

14 de Março de 2020

14 de Março de 2020

 El COVID-19 [1]es un nuevo nombre de lo real, eso que de entrada no tiene todo el sentido ya que ...

Ciencia y sueño – El sueño, el dormir y lo intraducible – Gustavo Stiglitz (EOL)

28 de Fevereiro de 2020

28 de Fevereiro de 2020

  “Todas las ciencias descansan en observaciones y experiencias mediadas por nuestro aparato psíquico; pero como nuestra ciencia tiene como...

Un análisis de las masas a partir de las modalidades del Uno, el plus de goce y el no-todo – Marcela Ana Negro (EOL)

4 de Fevereiro de 2020

4 de Fevereiro de 2020

En “Psicología de las masas y análisis del yo”, Sigmund Freud señala: “Habría que prestar atención a las masas de...

Comments
Deixe uma resposta

O seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados com *

Esse site utiliza o Akismet para reduzir spam. Aprenda como seus dados de comentários são processados.