18 de August de 2019

Una memoria da campionato – Marco Focchi (SLP)

Uno dei campi in cui le neuroscienze prediligono esercitarsi è quello della memoria. Dico esercitarsi perché si tratta propriamente di…


Uno dei campi in cui le neuroscienze prediligono esercitarsi è quello della memoria. Dico esercitarsi perché si tratta propriamente di esercizi atletici. Ci sono vere e proprie gare di memoria, e uno dei campioni attualmente più accreditati è Boris Nikolai Konrad, un neuroscienziato che è riuscito a memorizzare 280 parole e 195 nomi e visi in 15 minuti. Aveva sentito parlare di mnemotecnica al tempo dell’università, ha pensato di applicarvisi per facilitare l’impegno di studio, si è trovato bene e ha cominciato a partecipare alle competizioni.

La mnemotecnica non è proprio l’ultimissimo ritrovato del mondo moderno, giacché risale a Simonide di Ceo il quale, dopo il crollo della casa in cui si svolgeva una cena, riuscì a ricordare il nome di ognuno dei partecipanti nonostante i loro cadaveri fossero irriconoscibili, a partire dal posto a tavola che occupavano durante il banchetto. La mnemotecnica è una tecnica dei loci. Bisogna avere per esempio una casa di tante stanze, in ciascuna di queste si dispone l’elemento che si vuol ricordare, si fa mentalmente il percorso delle stanze e si ritrovano man mano gli elementi riposti. Ricordare è così ripercorrere.

I palazzi della memoria che venivano costruiti dai retori romani, Cicerone è l’esempio eminente, si trasformano ora sotto il tocco dei neuroscienziati in complesse architetture neuronali. Il cervello dei campioni viene analizzato con le tecniche di immaginografia per individuare gli schemi di connessione tra i neuroni, trovando – sorpresa! – che le differenze tra i campioni e i normali non sono poi così rilevanti.

Naturalmente ci si può domandare a che cosa serva acquisire la capacità di memorizzare liste di tanti nomi, al di là del partecipare a un campionato. Perché questo tipo di memoria è una memoria di liste, di elementi discreti, che si possono contare e oggettivare. La memoria della vita, la memoria inconscia sono tutt’altro. I ricordi che ci interessano nell’esperienza psicoanalitica sono essenzialmente i ricordi di copertura, cioè paradigmi, schemi di relazioni che insistono e si riproducono nella vita del soggetto influenzandone le scelte, le decisioni, l’orientamento. La memoria da campionato manca di quel che costituisce l’essenza della memoria viva, quella che ci accompagna nei nostri giorni di gioia o di dolore: la possibilità di dimenticare. Non possiamo ricordare nulla se non possiamo anche dimenticare.

La cosa preoccupante è che i neuroscienziati, per esempio alla Columbia University, hanno cominciato a pensare anche alla possibilità di dimenticare, ma a modo loro: hanno cioè considerato di liberarsi dei ricordi traumatici, dissociando – grazie a un farmaco che ancora non esiste ma di cui non dubitano la prossima ventura messa in produzione – l’esperienza dal segno che la inscrive in noi. Per esempio: se sono stato aggredito e nel frattempo un cane stava abbaiando, l’abbaiare del cane successivamente, fuori dal contesto traumatico, nei più diversi momenti della vita quotidiana, risveglierà il ricordo traumatico. Si tratta quindi di dissociare l’abbaiare del cane dalla sensazione di paura legata all’aggressione subita.

Vediamo subito così qual è il punto: un ricordo, nelle neuroscienze, è un oggetto manipolabile, non è mai un’esperienza soggettiva che fa parte inscindibilmente di me, che mi costituisce e rispetto al quale il problema non è liberarsene, come fosse il mattoncino eccedente di una costruzione, ma dargli un posto, reintegrandolo nel ritmo essenziale della mia vita.

in Lettere
Related Posts

Mujeres y Vida – O la Maldición de las Criadoras. Por Marie-Hélène Brousse (ECF

13 de agosto de 2019

13 de agosto de 2019

Traducción: María Paz Varela ¿Han visto o escuchado a Kay Ivey? ¡Una mujer vieja y poderosa! Ella es la actual...

Une affaire de corps – Patrick Monribot (ECF))

2 de agosto de 2019

2 de agosto de 2019

« Le réel, (…), c’est le mystère du corps parlant, c’est le mystère de l’inconscient. »[1] La phrase a été...

Pluralisation des ségrégations – Alice Delarue (ECF)

5 de julho de 2019

5 de julho de 2019

Publié sur HebdoBlog La ségrégation, sous ses formes actuelles, concerne de façon brûlante la psychanalyse, du moins celle qui est...

Una carta de amor – Paula Rodríguez Acquarone (EOL)

4 de julho de 2019

4 de julho de 2019

Me pregunté a propósito del título de esta mesa, cuantas versiones del amor habría en el libro Feminismos[2], si uno...

La complejidad de la validación científica. Saber y poder – por Gustavo Stiglitz (EOL)

16 de junho de 2019

16 de junho de 2019

Observamos que en general, las legislaciones en salud mental toman a los llamados criterios científicos, como tabla de orientación para...

Ordinary psychosis: A creation of language for our times – Véronique Voruz (NLS)

31 de Maio de 2019

31 de Maio de 2019

  Introduction   For this intervention I have chosen to not speak of ordinary psychosis specifically, but to situate the...

Aceptación – “Deseo de Escuela” – Rosa María Calvet (ELP, Barcelona)

30 de Maio de 2019

30 de Maio de 2019

La cordial invitación de Celeste Stecco a participar en el rubro correspondiente a “Deseo de Escuela” produjo en un primer...

La référence plotinienne du dernier enseignement de Lacan – Mathieu Siriot (Paris)

18 de Maio de 2019

18 de Maio de 2019

            Dans son cours L’orientation Lacanienne, Jacques-Alain Miller fait référence à deux reprises à Plotin (205-270 après J.-C.),...

El suicidio adolescente – Guillermo López (EOL)

2 de Maio de 2019

2 de Maio de 2019

       “Es mejor arder que apagarse lentamente”.                                                                        Hey, hey, my, my (into the black) Neil Young Hace unos días,...

La huella de Oscar Masotta – José Ramón Ubieto (ELP)

28 de Abril de 2019

28 de Abril de 2019

Publicado el 27/4/2019 en el diario La Vanguardia (Barcelona) El paso de Oscar Masotta (1930-1979) por Barcelona fue clave para...

“The Paths Of Renewal Of Psychoanalysis Are Numerous” – by Sophie-Marret Maleval and Aurélie Pfauwadel

7 de Abril de 2019

7 de Abril de 2019

Translated from the French by Philip Draversand Florencia F.C. Shanahan   Published on www.lemonde.fron April 1st, 2019 at 16h48. Article...

¡Estupendos pasmados! – Por Laurent Dumoulin (Paris)

7 de Abril de 2019

7 de Abril de 2019

Traducción: Alba Alfaro Lacan en …o peor, da una definición mordaz de la función del padre: “el padre es el...

The era and its laws – by Alejandra Antuña

21 de Março de 2019

21 de Março de 2019

Readings of the contemporary/ Update of the psychoanalytic clinic (translation of the text by Karen Edelsztein) It is a fact...

La place de l’analyste, de l’idéal à l’objet – Pas Jean-Louis Gault

14 de Março de 2019

14 de Março de 2019

Nous allons commenter deux chapitres du Séminaire de Lacan sur le transfert, intitulés « Glissements de sens de l’idéal »...

Indignarse frente a la banalidad del mal – Por Irene Greiser (EOL)

14 de Março de 2019

14 de Março de 2019

Indignados no sólo es el nombre de un movimiento que surge en España , sino también el texto que Stephane...

Comments
Deixe uma resposta

O seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados com *

Esse site utiliza o Akismet para reduzir spam. Aprenda como seus dados de comentários são processados.